Articoli

Diritto di critica del Lavoratore-Limiti e conseguenze del superamento

  |   Diritto del Lavoro, Tutte le News

Il diritto di critica del lavoratore nei confrondi del datore di lavoro è pacifico, essendo espressione del generale principio di libertà di manifestazione del pensiero previsto e garantito dall’art. 21 della Costituzione.

Il diritto di manifestazione del pensiero e, quindi anche di critica, è, peraltro, riconosciuto espressamente ai lavoratori dall’art. 1 dello Statuto dei Lavoratori a norma del quale questi “hanno diritto, nei luoghi dove prestano la loro opera, di manifestare liberamente il proprio pensiero, nel rispetto dei principi della costituzione e delle norme della presente legge”.

 

Affinchè il dirtto di critica sia legittimo è necessario, però, che il lavoratore rispetti determinati limiti stabiliti dalla giurispudenza nelgli anni e, precisamente:

 

  1. la critica del lavoratore deve essere orientata al conseguimento di un interesse di dignità quantomeno pari o superiore dell’interesse del datore di lavoro a non essere screditato, ovvero a vedere tutelata la sua reputazione e immagine (c.d. limite esterno del diritto di critica);
  2. i fatti raccontati dal lavoratore devono essere veri (c.d. limite della continenza sostanziale);
  3. il lavoratore nell’esercizio del diritto di critica deve utilizzare un linguaggio e una forma lessicale rispettosa della civiltà e della lealtà, senza toni volutamente eccessivamente scandalizzati e sdegnati  (c.d. limite della continenza formale).

Il mancato rispetto di uno qualsiasi dei limiti sopra detti comporta la sanzionabilità della condotta del lavoratore per violazione dell’obbligo di fedeltà sancito dall’art. 2105 c.c. che potrà arrivare, nei casi più gravi, al licenziamento per “giusta causa”.

 

©opyright Studio Legale Albini & Partners✍️

  •  
  •  

Hai bisogno di una consulenza legale?

Rivolgiti ai nostri esperti

Contattaci

AUTORE - Studio Legale Albini