Articoli

legge Balduzzi e responsabilità penale

  |   Diritto Sanitario, Tutte le News

Entrando nel merito della Legge Balduzzi si evince che essa tratta della responsabilità penale sanitaria, si deve appunto tenere conto che questo decreto apporta dei cambiamenti che riguardano soprattutto la colpevolezza in tale ambito.

In materia di successione nel tempo della legge penale, la pronuncia della Cassazione in commento ribadisce come in materia penale la legge Balduzzi prevalga sulla legge Gelli-Bianco e trovi così applicazione, in quanto Legge da ritenersi più favorevole al reo rispetto alla disciplina prevista all’articolo 590- sexies codice penale introdotta con la legge numero 24/2017 (c.d Gelli Bianco).

La prima contiene, infatti, una parziale “abolito criminis“, mentre la seconda (più recente) una mera causa di non punibilità. La legge Balduzzi ha il merito di essere una dimostrazione di come il legislatore finalmente si sia fatto carico del contenzioso relativo a professionalità e responsabilità penale sanitaria, divenuto un problema in crescita e sempre più importante. Le soluzioni adottate possono essere giudicate opinabili ma sono di certo concrete e specifiche. Da anni ormai si discuteva della necessità di una disciplina specifica della materia, in risposta ad una giurisprudenza sempre più a favore dei pazienti, che aveva scatenato la difesa da parte della categoria medica.

La cassazione conferma così il precedente pronunciamento in materia da parte delle sezioni unite (sentenza numero 8770/2018).

In conseguenza di una tale interpretazione il medico non risponde penalmente delle lesioni e/o della morte del paziente in caso di suo errore per “imperizia non grave” intervenuto nella fase esecutiva delle raccomandazioni contenute nelle c.d. Linee Guida del caso specifico.

©copyright Studio Legale Albini & Partners

  •  
  •  

Hai bisogno di una consulenza legale?

Rivolgiti ai nostri esperti

Contattaci

AUTORE - Studio Legale Albini